“Se una persona non è attenta al proprio corpo è perché ha paura di percepire o sentire i propri sentimenti. Quando i sentimenti hanno una qualità minacciosa, in genere vengono soppressi. Per far questo si sviluppano delle tensioni muscolari croniche che non consentono lo sviluppo di nessun flusso di eccitazione e di nessun movimento spontaneo nelle zone interessate.
Spesso si reprime la paura perché ha un effetto paralizzante, la collera perché è troppo pericolosa e la disperazione perché è troppo demoralizzante. Si sopprime anche la coscienza del dolore, ad esempio quello causato dalla mancata realizzazione di un desiderio, perché non si è in grado di sopportarlo.
La soppressione dei sentimenti diminuisce lo stato di eccitazione del corpo e la capacità della mente di mettere a fuoco determinati aspetti. E’ la causa primaria della perdita di potere mentale.
In genere la nostra mente è tutta presa dal bisogno di controllarsi, a spese dell’esigenza di essere e sentirsi più viva”. (A.Lowen)11229382_467137856784861_1350015830730363573_n

Precedente Successivo Il CUORE: elemento essenziale di ogni terapia.